in

Canada – importazioni di vino – aggiornamento 2019

Il Canada si conferma un mercato “a tre” tra Francia, Italia e USA. Tre cose vanno sottolineate guardando questi dati (ci mancano i volume quest’anno che non sono ancora stati caricati): 1) gli americani continuano a fare fatica, causa anche la forza del dollaro USA contro il dollaro canadese; 2) la Francia e l’Italia mantengono un ritmo di crescita piuttosto solido, tra il 5% e il 6%; 3) nel 2019 la crescita in valuta locale dei vini importati in realtà non c’è, visto che il dato del mercato (+3%) è totalmente derivato dall’apprezzamento del dollaro canadese contro l’Euro. L’Italia mantiene la seconda posizione grazie al segmento degli spumanti sempre in grande spolvero, mentre è attualmente il terzo esportatore per quanto riguarda i vini in bottiglia e il sesto nel segmento dei vini sfusi. Come per gli altri mercati che stiamo analizzando, i dati che qui trovate allegati sono disponibili per essere scaricati (con una profondità storica e dettagli superiori) nella sezione Solonumeri. Passiamo a una breve analisi dei dati.

  • Il mercato del vino di importazione canadese è cresciuto del 3% a 1.74 miliardi di euro nel 2019, con un +3% per i vini in bottiglia a 1.49 miliardi di euro, un calo dell’1% delle importazioni di vino sfuso a 97 milioni di euro e un incremento del 5/6% dei vini spumanti a circa 150 milioni di euro, quindi un dato relativamente “residuale” nell’ottica della penetrazione di questi prodotti in altri mercati.
  • I tre principali esportatori come dicevamo sono Francia, Italia e USA. Come cerca di “spiegarvi” il grafico a linee, noi e i francesi abbiamo preso mercato negli ultimi anni, approfittando della forza del dollaro americano che ha reso meno competitivo il prodotto USA. Ovviamente i francesi giocano parzialmente in casa (Quebec), ma è altrettanto vero che la zona orientale del Canada ha una comunità italiana veramente rilevante. I dati sono molto simili: 396 milioni per i francesi, 372 per gli italiani e 350 milioni per gli americani.
  • Nel segmento degli spumanti la Francia ovviamente domina il mercato con 70 milioni di euro di export, la metà circa del totale, ma con una crescita soltanto del 2% contro il +6% del mercato. L’Italia ha avuto un ottimo andamento negli ultimi anni, confermato anche nel 2019, e ha toccato quota 51 milioni (+14%, +17% annuo sui 5 anni), mentre sono veramente marginali sia i dati degli spagnoli che quelli degli americani, insieme circa 20 milioni di euro.
  • Come vedete dalla tabella principale, dopo questi tre paesi ci sono gli australiani, che però calano del 5% e sono 150 milioni di euro, quindi meno della metà degli americani, e gli spagnoli, con 110 milioni e una crescita un po’ sottotono nel 2019 rispetto a quanto visto gli anni scorsi.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco


Fonte: http://feeds.feedburner.com/INumeriDelVino

Svizzera – importazioni di vino – aggiornamento 2019

Il fascino della Forestiera, una birra tutta Toscana